Informativa sul trattamento dei dati personali ai fini del regolamento UE 2016/79 (GDPR). Continuando a navigare, accetti le condizioni di trattamento dei dati. Clicca qui per info.

Ok

Dolci in tavola a Natale

Commenti (0)

Dolci in tavola a Natale

Non solo panettone! 

Oggi vi portiamo alla scoperta dei "tipici" dolci di Natale della tradizione napoletana.

Uno dei dolci più consumato nel periodo di Natale è il torrone . Si tratta di un impasto di miele ,zucchero, nocciole e albume  d'uovo. Non si conosce bene la sua origine , ma l'ipotesi più accreditata fa pensare agli arabi , come si evince nel libro del medico di Cordova, Abdul Mutarrif, il quale parlava del "TURON". Una leggenda cremonese racconta che il primo torrone fu ideato per festeggiare le nozze della figlia del duca Filippo Maria Visconti con Francesco Sforza. Il torrone è un dolce dal sapore unico e tradizionale, ne esistono  diverse categorie; morbidi e duri, mandorlati e nocciolati, la copertura può essere  di cioccolato, pasta di mandorle o pasta reale: insomma ce n'è per tutti i gusti!

Sulle nostre tavole oltre al torrone non possono mancare gli "struffoli". Nella loro preparazione molto è lasciato al naso, (hanno un bell'aroma), ma nulla è lasciato al caso. Piccole palline di farina, burro, zucchero ed uova , possono essere  fritte o al forno, insaporite col miele , cosparse di confettini variopinti detti "diavulilli", pezzetti d'arancia e cedro. Si pensa che a portare nel Golfo di Napoli queste piccole ghiottonerie siano stati i greci perchè la parola struffolo sembra provenire da "strongoulus pristos": pallina rotonda tagliata. 

La tradizione napoletana propone tra i dolci tipici i Susamielli. Caratteristici per la loro forma ad "S", sono conosciuti anche con il nome " Sapienze" perchè nel Seicento le Clarisse del Convento di Santa Maria della Sapienza erano brave nella preparazione di queste prelibatezze. I Susamielli già presenti nel 1788 sotto il nome di susamielli nobili, venivano fatti preparare in tre versioni destinate ai nobili ed ai poveri, con piccole varianti nella preparazione. 

Quelli che oggi troviamo sulle nostre tavole sono i Susamielli nobili preparati con farina bianca di alta qualità ,miele, mandorle tritate, il tutto aromatizzato dal pisto, ovvero una miscela di spezie profumate. Preparati già dall'8 dicembre a Napoli, i Susamielli si gustano per tutta la durata delle feste natalizie: ottimi da assaporare con vino dolce e marsala.

Potete arricchire la vostra tavola di Natale con altri dolci tipici della tradizione Campana: roccocò, mostaccioli, pasta di mandorle  e raffioli.

Lascia una replica

Tutti i campi sono obbligatori