Informativa sul trattamento dei dati personali ai fini del regolamento UE 2016/79 (GDPR). Continuando a navigare, accetti le condizioni di trattamento dei dati. Clicca qui per info.

Ok

Mise en place Pasquale

Commenti (0)

Mise en place Pasquale

La natura è la prima fonte di ispirazione e una certa voglia di evasione pervade l’intera mise en place, seguendo un leitmotiv molto semplice: bando al minimal. Giochi di sfumature, accostamenti inediti e grintosi, ispirati dall’allure giocosa e colorata della stagione.

Da allestimenti più classici a tavole più concettuali, il mix and match è il punto di partenza ideale per realizzare una tavola di Pasqua, lasciando libera la creatività, in risposta al periodo che stiamo vivendo come voglia di evasione dall’inevitabile senso di costrizione.

Un risveglio decorativo che ha il sapore della creatività e permette di volare verso giardini incantati e ricchi di nuance squillanti. In mancanza di una vera e propria libertà, le tavole diventano i nostri giardini fioriti in cui rifugiarsi.

Il trucco mix and match per la Pasqua 2021 è combinare colori saturi e brillanti con quelli pastello, tipicamente pasquali. Abbinare tessili dalle tinte forti e luminose a centrotavola floreali particolarmente colorati renderà l’atmosfera immediatamente più festosa, solare ed effervescente – afferma Giorgia Fantin Borghi – Vi piace l’argento? Usatelo associato al colore! Scoprirete che mescolare è un ottimo stratagemma decorativo per modernizzare la tavola che risulterà raffinata ma rilassata”.

Una mise en place dove il centrotavola è il protagonista, i fiori colorano la tavola intera e si abbinano ai decori delicati di servizi a tema naturale, associati a posateria e dettagli in argento.

I tessili neutri in lino si sposano alla perfezione con i bagliori dei cristalli e dei tanti dettagli che vanno a creare un insieme scenografico ed elegante. Le posate dorate diventano ancora più festose vicino alle nuance dei segnaposto, con tocchi di luce, in giochi di riflessi tra i cristalli e le ceramiche. Non possono mancare poi i simboli della Pasqua: coniglietti e colombe arricchiscono una mise en place che, abbinate a tinte pastello, creano perfetti match estetici con i fiori recisi usati come dècor e la semplicità di posate e bicchieri in tinta.

 Tra i colori, un inedito e vitaminico giallo che trasmette vibrazioni positive, spesso in associazione del rilassante blu, in un contrasto di raffinata eleganza.

È il centrotavola ad assumere un ruolo importante nell’intera mise en place. Il suo segreto? Creare più livelli, utilizzando contenitori diversi per forma e dimensioni, dai vasi alle alzatine, fino agli svuotatasche e alle piccole ciotole. Un insieme a più altezze da riempire non solo di fiori ma anche di piccoli frutti come fragole o lamponi, alternati a caramelline mescolate a semi di finocchio, come sulle tavole francesi di una volta.

I toni pastello delle ceramiche si prestano a sovrapposizioni a contrasto, dove i colori vivaci si abbinano ai dettagli scintillanti dell’oro, in contrapposizione al legno e alla sua elegante matericità.

La tovaglia non è d’obbligo e viene sostituita con tovagliette in rattan che rendono più leggera l’intera mise en place, rischiarata dalla bellezza naturale dei fiori.

 

In foto la tavola Pasquale creata da Giorgia Fantin Borghi .

Lascia una replica

Tutti i campi sono obbligatori